Pagina iniziale | Registrazione

Accesso ai Servizi utenti registrati:

Accedi con CRS

Accedi con CRS

Hai dimenticato la password?

Clicca Qui per recuperare l'utenza

Manutenzione Straordinaria 

Sono definite interventi di manutenzione straordinaria le opere effettuate allo scopo di rinnovare, parzialmente oppure complessivamente, parti strutturali di edifici, ad uso abitativo e non, oltre ad interventi volti ad integrare i suddetti edifici, purchè non si vada ad intaccare la volumetria, la metratura e la destinazione d’uso preesistente; Non sono consentite peraltro modifiche sostanziali all’aspetto strutturale degli immobili. 

Nel dettaglio, tali opere si possono identificare tra le seguenti: 

  • Rifacimento di intonaci esterni, sostituzione degli infissi, totale rifacimento del manto di copertura, pur rispettando le caratteristiche originarie dell’immobile;
  • Opere di consolidamento o rifacimento di muri perimetrali esterni degradati, prestando attenzione al mantenimento dell’aspetto strutturale precedente;
  • Realizzazione o alienazione di aperture interne ed esterne, purchè questo non comporti l’assetto distributivo dell’immobile, pertanto queste non sono ammesse al fine di collegare due immobili, o porzioni di essi, inizialmente indipendenti;
  • Modifiche strutturali interne e, in alcuni casi, esterne all’edificio, solo nel caso queste siano di primaria importanza, vale a dire realizzazione di locali igienici, scale, servoscala e piattaforme di elevazione. Sono altresì consentite opere di adeguamento antisismico, o quanto sia necessario a garantire la massima sicurezza delle strutture, siano esse destinate ad uso abitativo civile o connesse ad attività di qualsivoglia tipologia;
  • Rinnovamento, anche totale, degli impianti tecnologici se questo si rende necessario per allineare l’unità, sia essa ad uso civile o adibita ad attività, alle vigenti normative in materia di sicurezza, inquinamento o efficienza, nonché adeguamento alle classi energetiche previste dalle attuali disposizioni Legislative.
  • Rifacimento, totale o parziale, degli impianti idraulici, termici, sanitari, per la conduzione di gas, energia elettrica o dispersione di reflui negli appositi condotti;
  • Installazione di impianti fotovoltaici o di valorizzazione energetica;
  • Realizzazione, nelle strutture destinate allo svolgimento di attività lavorative, commerciali, di produzione o similari, di impianti tecnologici, necessari al rinnovo o all’adeguamento degli stessi, purchè a questo non consegua una marcata variazione strutturale o modifiche  all’iniziale destinazione d’uso. 

Tutte le attività sopra esposte dovranno, per la loro realizzazione, essere affidate a professionisti qualificati, operanti nell’ambito di competenza specifico.


[ Indietro ]